Ecobonus

L’agevolazione vale per tutti i fabbricati di tutte le categorie catastali (anche rurali) compresi quelli strumentali. Sono esclusi gli interventi effettuati durante la costruzione degli immobili e per tutti gli interventi (esclusa l’installazione dei pannelli solari) l’edificio deve essere già dotato di impianto di riscaldamento. Sono esclusi gli interventi di ampliamento.

Le detrazioni sono ripartite in 10 quote annuali di pari importo, nell’anno in cui è sostenuta la spesa ed in quelli successivi. A partire dal 1 gennaio 2018 i soggetti beneficiari, anche di singole unità immobiliari, possono optare per la cessione del credito di imposta (quota di detrazioni spettante) ai fornitori che hanno effettuato gli interventi o ad altri soggetti privati, tranne banche ed intermediari finanziari.

Il Fondo Nazionale per l’efficienza energetica ha messo a disposizione 150 milioni di euro per il rilascio di garanzie su prestiti per pagare gli interventi di riqualificazione energetica del proprio immobile.

Ecobonus 2018 ordinario

Quando

Dal 06.06.2013 al 31.12.2018

Incentivi Ecobonus 2018

50% detrazione per:

  • acquisto e posa in opera di finestre e infissi;
  • acquisto e posa in opera di schermature solari;
  • sostituzione di impianti di climatizzazione invernale, integrale o parziale, con impianti dotati di caldaie a condensazione con efficienza almeno pari alla classe A di prodotto;
  • acquisto e posa in opera di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di generatore di calore alimentati da biomasse combustibili.

65% detrazione per:

  • riqualificazione energetica globale;
  • interventi sull’involucro di edifici esistenti, riguardanti strutture opache orizzontali e verticali;
  • installazione di pannelli solari per la produzione di acqua calda sanitaria;
  • sostituzione di impianti di climatizzazione invernale, integrale o parziale, con impianti dotati di caldaie a condensazione almeno in classe A e contestuale installazione di sistemi di termoregolazione evoluti;
  • sostituzione di impianti di climatizzazione invernale, integrale o parziale, con impianti con pompe di calore ad alta efficienza o impianti geotermici a bassa entalpia;
  • sostituzione di scaldacqua tradizionali con scaldacqua a pompa di calore per acqua calda sanitaria;
  • acquisto e posa in opera di microgeneratori;
  • sostituzione impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di apparecchi ibridi (pompa di calore integrata con caldaia a condensazione) assemblati in fabbrica ed appositamente concepiti per funzionare assieme.

Ecobonus 2018 per i condomini

Quando

Dal 01.01.2017 al 31.12.2021

Incentivi Ecobonus 2018

  • Detrazioni fiscali del 65% per interventi di riqualificazione energetica sulle parti comuni dei condomìni;
  • Detrazioni fiscali del 70% per interventi su involucro che interessano almeno il 25% della superficie lorda disperdente.
  • Detrazioni fiscali del 75% per interventi che migliorano la prestazione energetica invernale ed estiva che garantisca all’edificio almeno la prestazione media di cui al D.M. 26/06/2015.

La detrazione viene calcolata su un tetto massimo di 40.000 euro moltiplicato per il numero delle unità immobiliari che compongono il condomìnio.

Agire attraverso la riqualificazione energetica: le novità per i condomini

  • Interventi su parti comuni condominiali
  • Percentuale di detrazione a seconda del grado di efficientamento energetico
  • Limite massimo di spesa: 40.000 € per unità immobiliare
  • Recupero in 10 anni
  • Possibilità di cessione del credito

Vuoi maggiori informazioni?

Scarica la nostra Guida all’Ecobonus per i Condomìni cliccando QUI.

Scarica il PDF con tutti i dettagli sugli incentivi per la riqualificazione energetica redatto da Edilportale cliccando QUI.

Sismabonus

Sismabonus ordinario

Quando

Dal 01.01.2017 al 31.12.2021

Incentivi

  • Detrazioni fiscali del 50%
    fino a un massimo di 96.000 € per unità immobiliare, per interventi sulle parti strutturali che non migliorano la classe sismica.
  • Detrazioni fiscali del 70%
    fino a un massimo di 96.000 € per unità immobiliare, per interventi che riducono il rischio sismico di una classe.
  • Detrazioni fiscali dell’80%
    fino a un massimo di 96.000 € per unità immobiliare, per interventi che riducono il rischio sismico di due o più classi.

Sismabonus condomini

Quando

Dal 01.01.2017 al 31.12.2021

Incentivi

  • Detrazioni fiscali del 50%
    fino a un massimo di 96.000 € moltiplicato per il numero di unità immobiliari dell’edificio, per interventi sulle parti strutturali che non migliorano la classe sismica.
  • Detrazioni fiscali del 75%
    fino a un massimo di 96.000 € moltiplicato per il numero di unità immobiliari dell’edificio, per interventi che riducono il rischio sismico di una classe.
  • Detrazioni fiscali dell’85%
    fino a un massimo di 96.000 € moltiplicato per il numero di unità immobiliari dell’edificio, per interventi che riducono il rischio sismico di due classi.

Fabbricati agevolati con diritto allo sgravio fiscale

Costruzioni adibite ad abitazioni, condomìni, attività produttive (unità immobiliari in cui si svolgono attività agricole, professionali, produttive di beni e di servizi, commerciali e non commerciali) ed Istituti autonomi per le case popolari (ed enti aventi le stesse finalità sociali, nonché cooperative di abitazione).

Tali edifici devono essere ubicati in aree ad alta pericolosità sismica: zone 1, 2, 3.

Spese detraibili

  • Realizzazione dei lavori di adeguamento e miglioramento sismico;
  • Classificazione e verifica sismica degli immobili;
  • Progettazione degli interventi;
  • Prestazioni professionali richieste dalla realizzazione dei lavori;
  • Perizie, sopralluoghi e relazioni di conformità;
  • Iva, imposte di bollo, rilascio di autorizzazioni.

Le modalità operative del Sismabonus, compresa la cessione del credito nel caso dei condomìni, sono state definite dal Provvedimento 165110/2017 dell’A.d.E. (Agenzia delle Entrate).

Vuoi maggiori informazioni?

Scarica il nostro pdf sul SismaBonus per i condomìni cliccando QUI

Scarica il PDF con tutti i dettagli sugli incentivi per la riqualificazione sismica redatto da Edilportalecliccando QUI

Guarda il video esplicativo dell’Associazione Nazionale Costruttori Edili cliccando QUI

Ecobonus più Sismabonus per condomìni

Per le parti comuni dei condomìni la nuova Legge di Bilancio 2018 ha previsto la cumulabilità tra Ecobonus e Sismabonus per gli edifici in zona rischio sismico 1, 2 e 3.

Il tetto massimo di detrazione fiscale per il nuovo super incentivo è pari alla somma tra la detrazione prevista per l’Ecobonus e quella prevista per il Sismabonus (40.000 euro più 96.000 euro) per un totale di 136.000 euro per unità immobiliare.

Le detrazioni previste sono:

  • l’80% dei costi sostenuti nel caso di passaggio ad una classe di rischio sismico inferiore;
  • l’85% dei costi sostenuti nel caso di passaggio a due classi di rischio sismico inferiori.

Cessione del credito

La detrazione spettante da Sismabonus Condomini, Ecobonus Condomini ed Ecobonus singole unità immobiliari può essere trasformata in credito fiscale cedibile ai soggetti che hanno partecipato agli interventi di riqualificazione sismica ed energetica. Nel caso dell’Ecobonus sulle singole unità immobiliari le regole per la cessione del credito non sono ancora state emanate dall’Agenzia delle Entrate.

Per approfondire il meccanismo di cessione del credito nel caso di Sismabonus Condomini, Ecobonus Condomini e Superincentivo scarica la nostra guida QUI.

Chiedi un preventivo per la ristrutturazione del condominio

Hai una domanda?

Contattaci via email